Goodbye stagione invernale

Era metà settembre quando denunciavamo i ritardi sull’attuazione del c.d. bando per la destagionalizzazione.
Speravamo che le cose stessero cambiando e invece leggiamo sui quotidiani che i “12 voli invernali, nei tre scali isolani, assegnati alle compagnie attraverso il suddetto bando, sono ancora fermi in pista […] dei collegamenti non c’è ancora traccia nella programmazione delle compagnie”.
Sui volti dei dipendenti della società di gestione dell’aeroporto di Alghero si legge la profonda preoccupazione per la chiusura della base di Ryanair e per una programmazione invernale, quantomeno incerta.
Non si può pensare di allungare la stagione senza garantire prima una adeguata campagna pubblicitaria delle nuove rotte.
Certo che se la Regione avesse chiesto una mano noi l’avremmo tesa, come abbiamo fatto, a suo tempo, per sbloccare la situazione relativa alla continuità territoriale.
La stagione invernale, ormai, troppo inoltrata, è difficilmente recuperabile, molti mesi sono passati da quando l’assessore regionale aveva annunciato il tutto.
Auspico che la Regione si concentri più fortemente sulle aree che hanno bisogno, per così dire, di più ossigeno.
In una terra a vocazione squisitamente turistica, i punti di collegamento strategici, come gli aeroporti, deve essere imperativo potenziarli all’unisono e devono godere, costantemente, dell’attenzione e dell’efficienza Regionale.